sabato 16 aprile 2016

I ritorni. Altrove.

C' era una volta una community su style che ho seguito fin qua. Nuovo blog, nuovi giri, nuovi post. Era il tempo in cui per me scrivere era il comunicare che preferivo. Ma gli eventi accadono. A volte ci frammentano, si mischiano, ci cambiano. E resta poco. Da quel poco riparto. Perche' e' giusto trovare un appiglio. Perche' e' giusto salvarsi.
http://kaoslamagiadellepausetragliistanti.blogspot.it

Sent from my BlackBerry® wireless device from WIND

martedì 12 aprile 2016

mercoledì 2 luglio 2014

tania.ferraro@libero.it

http://beritagoal.com/aumj/pbakebjajcc.tacsvzgmctuecazdqpoouef


Цей електронний лист не містить жодних вірусів та шкідливих програм, тому що діє антивірусний захист avast! .


domenica 22 aprile 2012

Il mondo nuovo


Michael Kiwanuka- Always Waiting

“Fare” è sempre una risposta.
Mi è rimasto poco o niente,
rifugi,
 ricordi,
 ombre,
scuse.
Poi, se la nebbia soffoca colori e passi,
diventa più difficile disegnare saluti e foglie sparse a terra.
Giorni..Infiniti.
E’ mancata la forza per cercare le mie tracce,
ho illuso me stessa, gli altri e il tempo,
allontanando, distruggendo, soffrendo..morendo.
Credo nel coraggio e nella fantasia,
credo che ci sia ancora qualcosa da salvare:
un cielo fatto a pezzi,
rifugi,
ricordi,
ombre,
 scuse..ma,
visto da qui, non è poi così lontano il mondo.
Mi è rimasto poco o niente.
Restare in piedi è la mia risposta.





Il mondo nuovo-Gianluca De Grossi



domenica 20 novembre 2011

L' altalena



Fabrizio Coppola- L'altalena



Oggi mi è mancato tutto.
Il tempo si è rotto senza fare rumore,
bloccando l' altalena tra i due mondi.
Ho cercato di dare forma al vuoto incollando i secondi tra loro.
L' intento era farci un abbraccio,
costringerlo a chiamare il mio nome.
Poi è arrivato il cielo a ricordarmi che a volte ESISTERE non basta.
Ogni assenza diventa ingombrante.
Cerco complici per VIVERE.





Entro Esco dal Blu-Lella Kundert

mercoledì 19 ottobre 2011

L' abbandono


Roberto Cacciapaglia-Sillaba



Lascio i passi sulla strada,
tra i fantasmi del perdono e problemi con abiti nuovi,
i miei occhi seduti per terra,
il dolore e la paura di perderti.
Sono un’ assenza addormentata su un lato della circonferenza,
vicina ad ombre con la testa fuori dal mondo,
in fila dietro tanti ricordi numerati.. in attesa di un angolo di memoria.
Abbandono i momenti sotto la polvere,
il mio amore per il cielo e tutto quello che contiene.
Rivivo i miei giorni con te viaggiando  a ritroso nel tempo.
Dalla luce al buio,
dalla musica al battito del tuo cuore,
dal presente fino all’ ultimo momento del principio.
E' triste non ricordare cosa ho provato mentre nascevo,
Vorrei raccontartelo adesso, mamma.




Goa- Mi senti?


mercoledì 21 settembre 2011

...

Andrew Bird- Cataracts


Guardo gli attimi in trappola tra le ciglia e le dita.
Resto accanto al tuo sorriso,
mentre svuotano il mondo di ogni cosa che importava..



 Il cielo estremo-Giuseppe Boaretto

giovedì 15 settembre 2011

Adesso

Kansas- Dust in the wind


Potrei dire tantissime cose ma anche nessuna,
sforzarmi di guardare oltre il cielo,
sfidando il sole senza chiudere gli occhi.
In verità sta scendendo la neve sul mondo.
Ho freddo.
Vorrei soltanto che qualcuno mi abbracciasse.



 Michele Sabatino- Noi ci siamo

venerdì 26 agosto 2011

Tutto passa

E' il mio tempo. Questo.
Finestre aperte sul cielo,
la tempesta di stelle che avanza.
Lo specchio mi riflette all' angolo:
sono un' ombra piena di graffi.
Vorrei avere la forza di chiudere gli occhi e venirti a cercare,
ritrovarti in un giorno qualunque del caso,
sdraiato sull' erba con me a guardare le nuvole farsi e disfarsi.
Comincierei a ricoprirmi di foglie,
raccontandoti di finte parole e calci del mondo, 
mentre tu..
Diresti che il silenzio sembra immobile ma in realtà ci porta sempre da qualche parte.
Che tutto passa.
Ogni tempo.
Anche il mio.



Baustelle-Un graffio (Garbo)

domenica 7 agosto 2011

Reason to believe


Tim Hardin-Reason to believe


Mi sei mancato per giorni.
in assenza di ogni contatto,
le idee confuse dal nulla,
un' ombra che esplode all' ingresso del buio.
Oggi il vento è tornato,
soffocando il silenzio mi ha parlato di te.



 Memoria delle Astrazioni-Luigi Mosello




mercoledì 6 luglio 2011

Contro Vento


Unsophisticated Heart-Joe Pug



Capita d 'intravedere la vita dietro una nuvola dalla forma perfetta,
al centro del cielo, vuoto di azzurro.
Mi sforzo di mettere contorni netti ai pensieri,
mentre il concreto del mondo sconfina in disparte.
C' è un tempo leggero fatto di distanze cristallizzate, suoni veloci e vento.
E' tornato per riunire lontanissimi  "perché".
Sembra tutto possibile quando si vive sospesi nell' aria.
E così immagino di vedere ciò che vedi e di sentire cosa senti:
gli scatti sotto la pioggia, i passi nelle strade,
il silenzio di altri occhi incastrati nei tuoi.
Volano milioni di fragili secondi,
precipitano senza sfiorarti.
Ti congelo dentro questo istante,
insieme a tutte le risposte che non riesco a darmi.






Il vento e l' anima - Luigi Mosello

venerdì 24 giugno 2011

Qui e ora

La vita insegna che ciò che conta è il presente.
Qui e ora,
la frase di tutti e per nessuno.
Sembra facile prendere in mano “ero e sarò”,
abbandonarli ai confini del mondo,
tra gli orizzonti e quello che siamo.
Io riesco a vivere dentro ogni secondo,
colorata dagli occhi della gente che ho incontrato,
divisa tra la voglia di restare a terra e il bisogno di chiedere aiuto al cielo.
Respiro le strade, la pioggia, la musica,
nella totale trasparenza di progetti e ricordi.
Poi arrivano piccolissimi momenti capaci di diventare immensi:
quando sento che Tu esisti e mi manchi nello stesso istante,
capisco che è tutta una follia.

Il tempo è soltanto uno stato d' animo.




Birds of Passage- Fantastic frown

sabato 11 giugno 2011

Cielo chiama Terra. Il ritorno.

Si vive sempre da qualche parte,
tra pareti o nuvole,
da soli o in compagnia di noi stessi.
Si ritorna sempre da qualche parte:
stanchi, riposati, felici, tristi,
comunque vivi.
Cielo chiama terra.
Ho la valigia carica di abbracci,
un paio di occhi nuovi.
Lavo il mare dalla pelle,
esco nella pioggia,
rido.
Terra saluta cielo.
Sono pronta per ricominciare,
con uno stato d'animo diverso.




lunedì 6 giugno 2011

AZ 1746

Mi sono sollevata da terra,
lasciando i pensieri all' angolo della strada,
mischiati alla pioggia caduta per dispetto.
Tra le nuvole Yann Tiersen ha consumato il tempo:
le ore sono nate e morte in fretta.
Ho respirato gli ultimi istanti di cielo,
prima che il mare confondesse tutto.
Cinque giugno 2011:
piango, salto, rido, vivo.

Ciao Palermo, sono qui..


The Divine Comedy-Tonight we fly

giovedì 2 giugno 2011

In memoria di me

Wim Mertens- What that one does



Sparisco nel silenzio dell’ incoscienza,
invidiando il potere di un pensiero..capace di andare dove vuole.
La mente non conosce inganni,
al buio si accorge prima di ciò che manca.

Quando le catene si affezionano all’aria,
cosa resta del mondo?
Un filo di luci sotto l’ asfalto,
la ruggine a ricordare che esiste ancora il tempo,
ore quasi immobili che nessuno cerca più.

Faccio un cerchio nello spazio,
mi siedo al centro con gli istanti di ogni giorno,
ripetuti..in memoria di me.

Riconosco il rumore delle promesse che si schiantano,
m’ impressiona la forza del coraggio,
pronto a raccogliere i pezzi,
farne un unico volto.
Non sento il cuore mentre le foglie s’ innamorano per strada.
Mi sono persa tra un soffio di vita e le tue mani.




Soffi sulla materia- Luigi Mosello


domenica 29 maggio 2011


Stasera le stelle non hanno nessuna voglia di parlare.

Ho le mani piene di storie, voci, tracce.

Mi abbraccio da sola.





Abbracci- Franca Masini




sabato 7 maggio 2011

Ti direi che vivo

Sono uscita dal mondo,
da giorni lo guardo da fuori.
Gli occhi tracciano la distanza:
tra la vita e me chilometri di azzurro.
Mi sono soffermata su ogni angolo in cui è nato un momento importante,
su ogni volto non ancora sbiadito dal tempo.
Nella spiaggia in cui andavo a risolvere i problemi,
i gabbiani hanno ripreso a volare.
Ho da poco spostato lo sguardo,
dall' orizzonte verso casa,
dal cortile alle scale.
Ci sei tu,
seduto sul letto in camera mia,
parli al telefono con l' aria pensierosa.


« Come stai? »
Dall' altra parte la mia voce mente e trema.
« Ti sento male papà».
"Però ti vedo", avrei voluto aggiungere.
Non avresti capito.
Ho talmente tante cose da dirti che non riesco a dire nulla,
così rimango in silenzio ad ascoltare te.



Ti direi che vivo.
Come un pezzo di vetro tagliato male e illuminato dal sole per sbaglio,
un’altalena capovolta nel vento..


Ti direi che a stento mantengo l' equilibrio,
tra luce ed ombra,
tra cima e abisso.
Continuo a piangere e ridere insieme,
scatto foto in bianco e nero che diventano pareti.
Ed io dentro,
nascosta, sospesa, silenziosa,
trasparente..
Ti sfioro nell’aria ma non ti riesco ad afferrare,
non ti posso respirare.
Sta tranquillo papà, non piango.
E' solo un attimo di abbandono gravitazionale.



Roberto Cacciapaglia- Wild Side




Lacerazione 59- Luvit

giovedì 28 aprile 2011

Si chiude il sipario


Finisce sempre così,
gli applausi, gli inchini,
il rosso che separa emozioni ed emozionati.
Finisce sempre così ..prima o poi.


martedì 19 aprile 2011

Il sole e la luna

Tu,
l’ espressione di un bimbo nel corpo di un uomo,
razionalità ed intelligenza,
COERENZA ed ORDINE MENTALE.
Piedi ben piantati a terra,
una mente che riflette, analizza e risolve,
le spalle enormi per sorreggere i problemi,
l’ ironia tagliente pronta a colpire,
poi..il sorriso.
Hai voluto me, una piccola donna in un mondo a parte,
viziata, capricciosa, imbronciata,
nascosta dagli sguardi,
trasparente alle difficoltà,
abituata a restare immobile, chiudere gli occhi e volare.
Ci siamo detti che non volevamo impegni,
che non eravamo pronti,
che prima o poi sarebbe finita.
Intanto abbiamo continuato a consumarci, confonderci,
scambiarci il sudore e la pelle.
Sono passati sette brevissimi anni.
Gli scontri e le risate hanno dato ritmo al tempo,
veloce-lento,veloce-lento.
Non abbiamo un luogo, un mese, un giorno,
ma siamo sempre noi,
liberi solo insieme:
tu bianco, io nero,
tu acqua, io fuoco,
tu ragione, io istinto,
tu terra, io cielo.
Nei disegni dei bambini,
spesso sono l’ uno accanto all’ altro..il sole e la luna.




Tribalistas- Velha Infância

domenica 17 aprile 2011

Raggi

Li ho sentiti volare per raggiungere me.
E' il sesto senso di chi ha il loro sangue.
Poi li ho intravisti da lontano, due raggi di sole impazziti.
Non so quanto è durato il nostro abbraccio,
mi è bastato per riempire due mesi di distanza.
Stavo davanti le due persone che mi hanno dato la vita,
tre paia di occhi incastrati nel silenzio.
La mia gioia ha fatto esplodere il mondo.






De Gregori- Sempre e per sempre

lunedì 14 marzo 2011

Ieri a Torino

Partita dalla Sicilia esattamente un mese fa.
Ho girato mezza Italia,
realizzando quello che volevo:
tornare la sera stanca e felice.

Il tempo e la distanza hanno ristretto il mio mondo,
se allargo le braccia ne tocco i confini.
Le facce amiche si sono dissolte nell’aria,
ogni tanto ritornano con la pioggia.

E Ieri a Torino ha piovuto tristezza.




giovedì 27 gennaio 2011

Ore e ricordi

Ultimamente anche rimanendo in silenzio riesco a dire troppo.
Saltello sui fili.
Dovrei fermarmi un secondo,giusto il tempo per chiedermi scusa.
Poi ripartire con il mio pezzo di sole nelle tasche.
Ho trascorso gli ultimi anni facendo amicizia con gli ostacoli,
ho litigato con i frammenti del tempo,
saldati così bene che a tratti non passava l’aria.
Sono anche morta. Una volta soltanto.
Adesso ore e ricordi si scambiano il posto.
Li guardo, sorrido.
A pochi centimetri ho tutto quello che ho sempre sognato,
eppure ho paura.
Paura di averlo e paura di perderlo.
E’ come se fosse sempre stato mio questo posto tra le nuvole.
Strano bisbigliarlo ma..
..di questi tempi si vola.



 Nico-These Days

sabato 15 gennaio 2011

Basta spegnere la luce (You are just a dreamer, and I am just a dream.)

Fai rumore nella mia testa.

Ti sento.

Tutti i giorni, quando il sole va a dormire, coloro ogni pezzo di buio che si è creato tra di noi.

Vorrei trovare un modo per farti sapere che ti penso,

che non riesco ad abbassare gli occhi,

perché anche quando non è più così celeste..il cielo comunque ancora ci lega.

Ci sono volte in cui basta spegnere la luce per vederti qui.



Mi piacerebbe chiederti come sta un sogno un attimo prima di avverarsi.




Neil Young- Like A Hurricane

giovedì 23 dicembre 2010

Attraverso il tempo


Ritrovarsi è stabilire il valore di un segreto.
La musica si è comprata il mio silenzio.
Ci sono tante verità intorno ad ogni singolo attimo di vita,
troppi punti di vista da cui osservare la stessa identica cosa.
Io..un’ ombra sul muro, continuo a spostarmi angolo dopo angolo.
Tu..l’ assenza che cambia aspetto.
Ti vedo avanzare da lontano..un puntino che sa diventare immenso.
Non so ascoltarti, perché in realtà avrei bisogno di sentirti,
Pochi i sensi in grado di attraversare il tempo.
 Ho soltanto due occhi per guardarti adesso.
Si fermano i frammenti tra gli spazi bianchi.
Mi manca il fiato.
Come sei bello..quasi sembri vero.

lunedì 13 settembre 2010

Far away


A volte mi chiedo perché aspettiamo inutilmente un segnale.
Mi sono ritrovata a cercarlo nella forma delle nuvole,
in una canzone sentita per caso, nelle parole di uno sconosciuto.
Coincidenze.
E' lentissimo il tempo per chi rimane in attesa.
Intanto le nuvole se ne vanno, le canzoni vengono spesso dimenticate,
gli sconosciuti si stancano di parlare.
Basterebbe così poco:
molta gente nemmeno si accorge delle impronte che lascia nelle vite degli altri.




Wolfmother - Far Away

"Step down from the mountainside
Well I see that you're doing fine
When you're far away
Well you tell me that you're coming down
Well it's good to see that you're back around."